martedì 30 maggio 2017

Montediddio di Erri De Luca: un libro che è pura poesia

Nessun commento:
 
Vi è sempre un preciso momento in cui l’infanzia finisce.
Questo momento, delicato, difficile, veloce, a volte incomprensibile è raccontato da Erri De Luca in modo magistrale nel libro Montediddio che ho ascoltato su Audible, un'app per audiolibri che è diventata la mia nuova "dipendenza". La voce di Roberto de Francesco, sanguigna, intensa, a volte impetuosa narra le vicende del protagonista in prima persona, usando spesso il napoletano. La musicalità delle parole di Erri De Luca si sposa a perfezione con la struggente sonorità della lingua napoletana. E anche con questa canzone degli Almamegretta che vi consiglio di ascoltare.

Montediddio è un libro che mi ha emozionato
Un libro che è pura poesia
che parla al cuore
con il cuore

Sopra l'abisso dei vicoli di una Napoli degli anni '50, sopra i panni stesi che sbattono contro i muri sporchi e screpolati delle case della povera gente del quartiere di Montediddio, situato sopra Piazza Plebiscito, vi è un terrazzo dove il cielo e la terra si toccano. Qui si svolgono le scene più belle di questo incantevole romanzo di formazione che narra la storia di un giovane tredicenne di cui non conosciamo il nome. Lui narra le sue giornate su di un rotolo di carta bobina da tipografo. Scrive per tentare di fermare quegli eventi che si affollano tutti insieme, scrive per liberarli dal "chiasso del napoletano", per dar loro un ordine e capire cosa ci accade dentro. 



Racconterà del primo lavoro nella bottega del falegname Mast’Errico; del calzolaio ebreo, don Rafaniello e delle sue ali destinate a crescergli dentro la gobba; racconterà della malattia e del lento spegnersi della madre; dell'amore dei suoi genitori e della scoperta del suo primo “ammore” (con due emme, più ''napoletano'' e più carnale). Lei è Maria, una splendida figura femminile che il degrado familiare ha reso già grande. Tutt’intorno si sente il brulichio delle strade di Napoli, "l’unica città del mondo dove la morte si vergogna di esistere". Una Napoli affascinante e decrepita, con i suoi scorci, le sue grida, la sua bellezza e il suo frastuono.

Ad accompagnare questa delicata fase di transizione al mondo degli adulti c'è uno strano oggetto, un "bumeràn" ricevuto in regalo dal padre. Ogni sera il protagonista si allena sul terrazzo del suo palazzo senza tirarlo. Sarà proprio l’esercizio quotidiano a dargli modo di cogliere la lenta metamorfosi del proprio corpo, dei muscoli che prendono forma. Solo nella pagina conclusiva il «bumeràn» viene lanciato dal punto più alto di Montedidio, tra le pirotecniche esplosioni di fine anno. Sarà un lancio simbolico che segnerà il passaggio all'età adulta. Nello stesso momento don Rafaniello prenderà il volo, con le sue ali, e lascerà Napoli. Tutto è intriso di sogno e magia. Ogni fine è un nuovo inizio. Questo è cio che ci dice Erri De Luca, di cui non vedo l'ora di leggere altro e altro ancora.

Vi lascio alcune citazioni:
 "Quando ti viene una nostalgia, non è una mancanza, è presenza, è una visita, arrivano persone, paesi, da lontano e ti tengono un poco di compagnia."

“Allora don Rafanié, le volte che mi viene il pensiero di una mancanza la devo chiamare presenza? Giusto, così a ogni mancanza dai il benvenuto, le fai un’accoglienza. Così quando sarete volato io non devo sentire la mancanza vostra? No, dice, quando ti viene di pensare a me io sono presente. Scrivo sul rotolo le parole di Rafaniello che hanno rivoltato la mancanza sottosopra e sta meglio così. Lui fa coi pensieri come con le scarpe, le mette capovolte sul bancariello e le aggiusta”.


"Dal buio dei lavatoi spunta Maria. I tredici anni suoi sono più cresciuti dei miei, lei già sta in un corpo arrivato. Tre dita sotto il ciuffo dei capelli neri, corti, c’è la sua bocca veloce con le parole, la vedo uscire fuori dallo scivolo delle sue labbra grosse. Il sorriso le taglia la faccia da un orecchio all’altro. Maria sa le mosse delle donne. Sto davanti a lei e mi sento le viscere vuote, una fame di pane, di dare un morso alla stessa fetta di pane e burro. Me l’offre, dico no. Ha scoperto che mi alleno col bumeràn, è curiosa. Mi sente salire, passare davanti alla sua porta. Si avvicina, la sera è calda e porta i suoi odori, cioccolato, origano, cannella, lo tiro col naso, è profumo francese, dice, tirando la erre dalla gola". 

Le foto a corredo di questo articolo sono state scattate da me l'anno scorso a Napoli. 



Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget
 
© 2012. Design by Main-Blogger - Blogger Template and Blogging Stuff
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...